Ufficiale: Whatsapp introduce la pubblicità nel 2019

Mi Piace0
Mi Piace0

Arriva ufficialmente la notizia che molti utenti temevano da anni

A forza di spam, anche quelli di Whatsapp si sono convinti e hanno deciso di introdurre alcuni banner pubblicitari nella propria app. Che poi sono quelli di Facebook. E non parliamo di briciole, ma di un’applicazione utilizzata da un miliardo e mezzo di utenti mensili.

La conferma è arrivata direttamente da Luca Colombo, Country Director di Facebook Italia, perciò non si tratta di voci di corridoio. Ha comunque aggiunto che non ci sarà pubblicità nelle chat, almeno non subito, ma dal primo trimestre del 2019 nelle storie, ovvero nei cambi di stato.

Probabilmente questa mossa di Facebook dipende dal fatto che la società (proprietaria sia di Facebook sia di Whatsapp) continua ad avere un progressivo lento calo nel numero di utenti del social network. Infatti, continua a crescere anche Instagram, che in Italia ha raggiunto i 14 milioni di utenti mensili, mentre Facebook ha una media di 25 milioni di utenti giornalieri e 31 milioni al mese. Se la cosa non vi garba, ricordo che esiste l’alternativa che si chiama Telegram e che è nettamente migliore, in fatto di funzioni.

Fonte

Leggi anche: Telegram: i bot migliori

Leggi anche: Come scaricare musica gratis con Telegram

Ufficiale: Whatsapp introduce la pubblicità nel 2019

Blogger e scrittore. Ho pubblicato libri di racconti, romanzi e saggi. Acquistali su iTunes, Amazon e Google Play in formato digitale e cartaceo.

Cosa ne pensi? Il box dei commenti è a tua disposizione!

      Rispondi

      Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

      Scontista
      Register New Account
      Reset Password

      Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, leggi l' informativa estesa sui cookie. Cliccando sull'apposito tasto acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti rimarranno disabilitati.